Consigli per la lettura – Olocausto bianco


olocausto biancoAutore: Ferruccio Pinotti
Editore: Rizzoli
Collana: BUR Futuropassato
ISBN: 17020589
Anno di prima edizione:  2008

Inauguriamo questa nuova sezione con un vero e proprio cazzotto allo stomaco.

Questo libro parla di pedofilia, ed è stato scritto da un prolifico giornalista investigativo, noto per le sue inchieste scomode.

La pedofilia esiste, ogni anno miete migliaia di vittime ed è diffusa in ogni strato sociale, coinvolgendo “insospettabili” come preti, professionisti, operai e comuni padri di famiglia.

Quel che emerge dal libro, che suona veramente sconcertante, non è solo la trasversalità del fenomeno, quanto piuttosto il fatto che esista una vera e propria lobby pedofila che, a prescindere da estrazione sociale, professione e reddito, è capace di fare quadrato e spalleggiarsi gli uni con gli altri, in una sorta di perversa (e, concedetemelo, pervertita) solidarietà che non conosce confini.

Il giornalista raccoglie le testimonianze di chi ha subito abusi (compreso qualche VIP, come Luca Barbareschi), operatori sociali, psicologi, avvocati e rappresentanti delle forze dell’ordine.

Dal quadro che emerge, il titolo del libro è, quanto mai, azzeccato, visto che si tratta di un vero e proprio genocidio dell’innocenza, una macchia indelebile sul bianco candore dell’infanzia.

Leggendolo, monta su una rabbia difficile da descrivere, è certamente un libro per stomaci forti, ma il primo passo per sconfiggere un male è imparare a conoscerlo.

Andrea Uccello

Annunci

Lascia un commento firmandoti con nome e cognome. I commenti sotto pseudonimo non saranno approvati

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...