Input del 6 settembre 2014 – Quella farmacia del Consiglio Comunale di Canicattini Bagni


inputIl termine farmaco, nell’antica Grecia si prestava a due significati contrapposti. In breve, sulla base delle dosi utilizzate e dell’uso più o meno appropriato, veniva inteso o come “veleno” oppure come un “curativo”.

Dopo la sosta estiva, lunedì ritorna il Consiglio Comunale e si discuterà di tasse, cioè di qualcosa di assolutamente importante, che riguarda tutti, chi le paga e chi no, nel senso di quei cittadini a carico di altri.

Ora, le tasse sono propriamente come un farmaco. A differenza di quanto sostengono taluni ministri dell’economia, nessuno le paga volentieri, non solo, esiste la diffusa percezione che, per l’eccessiva quantità, anzichè curare il paziente, lo accompagnano al fine vita.

Ma le stesse tasse sono anche una medicina, con la quale si garantiscono i servizi a tutti i pazienti.

Quindi, la valutazione complessiva sulle “tasse” non può prescindere dalla conoscenza delle avvertenze e delle modalità d’uso.

E allora, se è vero come è vero, che nessuna malattia è curabile, senza una collaborazione attiva del paziente, (“aiutiti ca Diu t’aiuta”), e se prevenire è meglio che curare… ci vediamo lunedì al Consiglio Comunale.

Annunci

Lascia un commento firmandoti con nome e cognome. I commenti sotto pseudonimo non saranno approvati

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...