Gli auguri con… una protesta civile


Oggi è festa.

Il compleanno di “Canicattivi“, un anno non è tanto, ma neppure poco.

Una delle “più belle“ iniziative culturali del nostro paese degli ultimi venti anni.

Partecipando ad una festa, chiunque porta un regalo. Ecco il mio pensiero, a modo mio.

“Canicattivi“ non mi piace più, ho cambiato idea.

Mi ha stancato leggere soltanto articoli a firma di Paolo Giardina, Andrea Uccello e pochi altri. Sono interessato a leggere altri punti di vista.

Per cui al momento mi dimetto, ma solo per il momento. Facciamo così ogni otto articoli a firma diversa, farò un mio intervento.

Quindi nel giorno più bello di “canicattivi“, quello del suo compleanno, pur partecipando alla festa, anziché portare un regalo… o forse è proprio un regalo.

La protesta civile…

Non ci stiamo accorgendo dell’agonia che vive la nostra città, è vero ci sono una miriade di associazioni, c’è una grande qualità, soprattutto tra i giovani, ma ognuno guarda soltanto “al suo orticello“, e questo non in senso necessariamente dispregiativo.

Si stava meglio quando si stava peggio, quando la città, magari con qualcosa in meno, si giocava tutti i giorni il derby Canicattini/Canicattinese, in tutti i settori della vita pubblica e privata. Tutti abbiamo fatto salti mortali per abbandonare, per lasciare al passato, quel campanilismo inutile, ma che almeno esprimeva vitalità.

Oggi cosa c’è; c’è un paese che assomiglia ad un mortorio, ad un pensionato.

Questa è la nostra città, non possiamo pensare che qualcuno da “fuori“ ci porta i regalini.

Partiamo da “Canicattivi“ e poi ci trasferiamo a Canicattini.

Da noi si dice: “muoviti femmu“, ecco dal 1693 noi siamo sempre fermi nello stesso punto, più interessati a guardare il punto degli altri, per evitare che possa essere un punto più avanti del nostro, consapevoli e coscienti, che comunque il punto più lontano che ognuno di noi, da solo, può raggiungere è “a punta o paisi“.

Canicattini Bagni il paese del liberty, della musica… e della fermezza.

Nel senso che siamo fermi, sempre nello stesso punto. Capaci di sfatare anche Eraclito, da noi, a fermarsi allo stop e solo la teoria del divenire.

Paolo Giardina

Annunci

Lascia un commento firmandoti con nome e cognome. I commenti sotto pseudonimo non saranno approvati

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...