Qual è la vera Canicattini?


O’ paisi nun succeri mai nenti“, questo è stato il ritornello che per molto tempo ci ha accompagnato, alimentato dalla fame di gossip (o cuttigghiu) che storicamente ci ha sempre accompagnati.

Anche io, per molto tempo, sono sempre stato convinto che la nostra cittadina fosse un luogo pacifico e tranquillo, magari noioso, ma almeno un posto sicuro dove crescere i propri figli e vivere lontano da certe preoccupazioni.

Eppure, negli ultimi tempi è successo di tutto: auto in fiamme, impiegati che rilasciavano certificati medici falsi in cambio di un “obolo”, maxi sequestri per motivi di mafia, case che bruciano e, negli scorsi giorni, immissione di banconote false.

Improvvisamente, Canicattini si è rivelata essere un covo di malaffari, di piccola e grande entità, in maniera sufficiente da creare sconforto e rabbia fra la popolazione onesta (la stragrande maggioranza) canicattinese. Ma anche qui, con dispiacere, devo constatare che per lo più la conoscenza di questi fatti viene vissuta col consueto spirito curtigghiaru, quasi come si trattasse di un caso di corna.

Allora non so più cosa pensare della mia città, non so più quanto abbia senso parlare di legalità se il terreno sul quale dovrebbe attecchire risulta talmente sterile.

Per molto tempo ho vissuto lontano dal mio paese e sempre mi sono descritto, con orgoglio, come un canicattinese, di Canicattini Bagni, Siracusa. Ultimamente, questo mio orgoglio sta vacillando e, lo confesso, avrei tanto bisogno di scorgere un segno, nella quotidianità cittadina, che mi faccia capire che mi sto sbagliando. Perchè sarebbe l’errore migliore commesso in vita mia.

Andrea Uccello

Annunci

2 pensieri su “Qual è la vera Canicattini?

  1. Con molto dispiacere leggo l’articolo, comunque che stavano cambiano “i tempi” c’erano già da un po’ di tempo prodromi ben visibili. p.s. : non riesco a lasciare semplicemente un “mi piace”, non ci riesco materialmente, avete ricevuto notizia anche da altri lettori? buoa sera

    • Cara Franca, intanto grazie per l’attenzione che consuetamente rivolgi a questo piccolo blog.
      Per quanto riguarda il “mi piace”, in fondo all’articolo vedi una serie di bottoni, riferiti ai vari social network. Se sei iscritta ad uno di questi (facebook o twitter per esempio), puoi cliccare sul tasto apposito.
      C’è anche un tasto “mi piace” vero e proprio, ma funziona solo se sei iscritta a wordpress e ne gestisci uno o più blog all’interno.
      Se non sei iscritta a nessuno di questi servizi, quei tasti diventano inutili.
      Però, in alto alla sinistra di ogni articolo, ci sono delle stelline, che si evidenziano di giallo se ci passi sopra il puntatore del mouse. Puoi scegliere di evidenziare quante stelline esprimono il tuo gradimento (1 significa poco, 5 significa tantissimo) e cliccare, anche questo è comunque un riscontro sul gradimento dei vari post.
      Un saluto
      Andrea

Lascia un commento firmandoti con nome e cognome. I commenti sotto pseudonimo non saranno approvati

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...